Ultimo Numero - news singola

Mondo Giovani

Pulcini 2007 e 2008


“OGNI VOLTA CHE ENTRO AL VISMARA È UNA GRANDE EMOZIONE. PENSO AL PRIVILEGIO DI ALLENARE I BAMBINI DI QUESTA SOCIETÀ, UNA DELLE PIÙ GLORIOSE DEL MONDO”, SPIEGA IVANO BROGNI. “IL GIORNO IN CUI ARRIVAI AL MILAN, GALLIANI E BRAIDA MI DISSERO: “SEI ENTRATO IN UNA GRANDE FAMIGLIA. L’obiettivo è formare prima uomini e poi calciatori”, ricorda Giancarlo Volontieri

Mister, una categoria come quella dei Pulcini ci porta a chiedere quali siano le caratteristiche dei ragazzi che ne fanno parte e quali tratti li differenziano dagli altri.
Brogni – Oltre all’aspetto tecnico individuale, credo che siano le qualità caratteriali a fare la differenza. La voglia, l’attenzione e la determinazione che questi bambini mettono in ogni allenamento per cercare di migliorarsi sono incredibili. Queste sono le basi che fanno la differenza, le stesse su cui lavoriamo ogni giorno per farli crescere al massimo delle loro potenzialità.
Volontieri – I ragazzi sono stati selezionati per qualità strutturali, tecniche, d’intelligenza calcistica e di corsa, ma le qualità che spiccano maggiormente sono quelle caratteriali. Sono bimbi tosti, con una forte personalità e che stanno disputando per la prima volta un campionato giocando sotto età. È il secondo anno che seguo questi ragazzi ed è il coronamento di un percorso ben preciso in cui il gruppo è cresciuto tantissimo, all’interno del quale ci sono 4-5 bambini di prospettiva molto alta. L’evoluzione la si vive anno per anno, però i presupposti e gli elementi sui cui lavorare ci sono tutti. L’obiettivo è costruire giocatori per la prima squadra attraverso un percorso il più lungo possibile.

 

Figurina della settimana

Box Figurina

 
 
 

In regalo in questo numero

Banner - In regalo in questo numero

nessuna news in questa lista.